Spiritualità

LA TUA GUIDA INTERIORE: IL SANKALPA

Il sankalpa che è una parola sanscrita che significa intenzione.
Il sankalpa è una pratica antica derivante dalla tradizione yogica indiana; è un potente mezzo di trasformazione e realizzazione a cui possiamo ricorrere quando ci rendiamo conto che è arrivato il momento di cambiare qualcosa nella nostra vita. La pratica del Sankalpa inizia con una riflessione profonda sulle aspirazioni personali e i valori fondamentali. Una volta identificati, si formula una dichiarazione positiva e al presente, come se l’obiettivo fosse già raggiunto. Il momento migliore per porre l’intenzione al di fuori della pratica yoga è la mattina appena svegli, o la sera prima di addormentarsi, quando la mente è più ricettiva.

L’EQUIVOCO DEL KARMA

Si pensa che il karma sia un meccanismo di punizione o ricompensa divina. Una sorta di boomerang che ti premia se fai del bene e ti punisce se ti comporti male. Un bilancio tra buone e cattive azioni.
Da un’analisi superficiale può apparire questo, ma il karma non ha nulla a che fare con ricompense e punizioni. In realtà il concetto di karma è neutro.
In sanscrito karma significa: azione, dovere, risultato.
Indica la legge di causa ed effetto.
Il karma è il seme. Siamo responsabili delle nostre azioni: creiamo il futuro nel momento presente attraverso i semi che scegliamo di piantare. Per rompere il vincolo della memoria karmica bisogna vivere pienamente e totalmente la propria vita in maniera consapevole e presente, assumendosi la responsabilità di tutto ciò che ci accade, perché il processo stesso della vita è la dissoluzione del karma.