LO YOGA: UN VIAGGIO INTERIORE

Lo yoga è una pratica che va oltre il semplice esercizio fisico, toccando le sfere mentali ed emotive di chi lo pratica.

Il richiamo dello yoga, infatti, spesso arriva da un bisogno di armonia interna.

Questo perché, a differenza di altre attività, lo yoga invita a una connessione più profonda con sé stessi, promuovendo equilibrio e unione tra tutte le parti del nostro essere: mente, corpo e spirito.

Il tappetino diventa un’isola felice, un luogo sicuro dove esplorare il proprio mondo interiore: chiudendo gli occhi e sintonizzandoci con il nostro respiro, iniziamo un viaggio di auto-esplorazione.

Lo yoga ci permette di riconoscere e accogliere le nostre necessità interne e questo è fondamentale per la nostra crescita personale.

La pratica costante può, quindi, trasformare la nostra vita.

Questo avviene per la stretta correlazione tra corpo e mente: ciò che coinvolge l’uno coinvolge anche l’altro.

Se vuoi approfondire l’argomento qui e qui ho parlato di come corpo e mente si influenzino a vicenda.

I nostri pensieri, sentimenti, credenze e atteggiamenti possono influenzare positivamente o negativamente anche il nostro funzionamento biologico.

E viceversa, quello che facciamo con il nostro corpo (quello che mangiamo, quanto pratichiamo e persino la nostra postura) può influire sul nostro stato mentale, positivamente o negativamente.

Il nostro corpo tende ad assumere naturalmente certe posizioni a seconda del nostro stato psicologico.

Se siamo arrabbiati, tristi o stanchi il corpo tende a chiudersi e contrarsi.

Se poi continuiamo a ripetercelo, formeremo delle rappresentazioni mentali che ci terranno in quello stato.

Per creare armonia in questa connessione, lo yoga si serve di alcuni strumenti.

ASANA

Gli asana (le posizioni) sono un mezzo di studio e di esplorazione del nostro corpo che non è fatto solo di carne ed ossa, muscoli e articolazioni, ma è un bagaglio di informazioni come i pensieri, le emozioni, i ricordi.

Le posizioni ci permettono di esplorare i nostri limiti.

Il corpo diventa il mezzo per studiare e osservare i pensieri e le emozioni, questo perché tutto è connesso.

Se facciamo in modo che il corpo assuma consapevolmente determinate posizioni (asana), possiamo inviare un segnale diverso ed elevare la nostra coscienza.

PRANAYAMA

Un altro strumento che ci mette a disposizione lo yoga è il pranayama, il controllo della nostra energia vitale attraverso pratiche di respiro.

Ogni nostro stato d’animo è accompagnato da un modo di respirare ben preciso e il cambiamento del respiro avviene senza che ne siamo consapevoli.

Ma quando interferiamo consapevolmente sul respiro tramite un pranayama, possiamo entrare in contatto con parti molto profonde di noi, come le emozioni.

Inoltre, il nostro respiro è uno specchio della nostra mente.

Se riusciamo a rendere il nostro respiro sempre più sottile, rilassato e cosciente, così sarà anche la nostra mente; infine, anche il nostro corpo diventerà più calmo e rilassato.

Alla fine di questo articolo ho parlato dell’importanza del respiro.

MEDITAZIONE

Questa pratica ci permette di osservare i nostri processi mentali, il ritmo incessante dei nostri pensieri, il nostro dialogo interiore.

Diventare consapevoli delle proprie emozioni e dei propri pensieri è una grandissima fonte di conoscenza di sé.

La meditazione dà la possibilità di sperimentare la propria autentica natura che, come suggerisce la tradizione dello yoga, è un’essenza incondizionatamente luminosa, gioiosa e saggia.

Questo è un momento nel quale possiamo guardarci dentro senza filtri, senza pregiudizi, senza raccontarci bugie.

In questo articolo puoi approfondire tutti i benefici della meditazione.

CONCLUSIONE

In conclusione, possiamo dire che l’intera pratica di yoga ci permette di svolgere uno studio profondo di noi stessi.

Attraverso l’uso del respiro, del movimento, del silenzio e della quiete permettiamo a noi stessi di essere.

Ricorda: lo yoga insegna che tutto è connesso.

Quello che fai al tuo corpo lo fai alla tua mente, quello che fai alla tua mente lo fai al tuo spirito e quello che fai al tuo spirito lo fai al mondo intero.

Ti auguro di provarlo.

Namastè.

Letture consigliate per approfondire l’argomento: